346 8170288 - 349 7934413 Palariviera Multiplex, Piazzale Aldo Moro 2, secondo piano, ingresso lato nord, 63074 San Benedetto del Tronto (AP)

_

ATELIER DI ART-COUNSELLING

L’Ass. Batimà è in  uno spazio che comprende uno studio e un Atelier, uno spazio destrutturato dal punto di vista degli arredi, interamente ricoperto di tappetoni, oggetti morbidi e cuscini, per far sì che ciascuno possa sperimentare le proprie capacità motorie e/o sfruttare come area relax.

L’Atelier mette a disposizione delle persone differenti materiali per la libera espressione artistica e creativa (colori, materiali per arti grafico-pittoriche, strumenti musicali, giochi e strumenti per la psicomotricità, marionette, palle mediche e oggetti per attività di rilassamento come yoga e danza creativa, stoffe, ect.).

Lo spazio può ospitare conferenze ed eventi formativi (max. 50 posti).

L’Atelier dispone di una macchina sollevatore per la movimentazione e il trasferimento della persona anziana e/o con limitazioni nei movimenti da carrozzina/sedia a terra. Ricorrere a strumenti in grado di alleggerire il carico muscolare dell’assistente e garantire al contempo la sicurezza dell’utente nell’alzata, sollevamento e trasferimento può agevolare la partecipazione di persone anziane e/o con disabilità a molteplici attività che sarebbero altrimenti loro precluse. I soci professionisti di Batimà svolgono la propria attività principalmente attraverso l’uso delle tecniche e degli strumenti del Counselling e delle Arti-Terapie e quindi offrono ai singoli e ai gruppi interventi ed attività espressive, creative, didattiche in forma di incontri, laboratori, seminari e workshop tematici.

L’ORTO DIDATTICO DEI FOLLETTI

Batimà insieme alla Cooperativa Sociale A Piccoli Passi co-gestisce un orto didattico e organizza un percorso ludico-educativo invitando tutti (dai 0 ai 110 anni) ad immergersi nel verde tra natura e creatività, e attraverso laboratori creativo-manipolativi, di libero movimento espressivo, tante attività ludiche ed educative…gratuite!

Gli appuntamenti:

  • Domenica 25 Giugno 2017 dalle ore 17:00 alle 19:00, presso il Parco Annunciata del Quartiere Agraria di Porto d’Ascoli   (vicino alla pista di pattinaggio e al campo di rugby) con una Festa rivolta a tutti, grandi e piccini.
  • Domenica 9 luglio 2017 GRANDE FESTA DI INAUGURAZIONE che si terrà presso il Parco Annunziata dalle ore 17:00 alle 19:00. A  tutti i partecipanti sarà offerta una “Merenda Bio” e per i più piccoli ancora giochi, musica e l’immancabile lancio dei palloncini.

Il percorso didattico nell’Orto dei Folletti continuerà nei mesi successivi con altri appuntamenti ludico-didattici rivolti ai bambini dai 3 ai 9 anni: il 23 e il 30 luglio con i laboratori di “Arcimboldo manigoldo”, il 3 e il 17 settembre con “Uva in festa” e il 1° e il 15 ottobre con “Il viaggio del folletto raffreddato”.

SERVIZI SPECIFICI PER UTENZA

_

BAMBINI

Un bambino che gioca ha la stessa presenza
di una tigre nell’erba che punta la sua preda.
Presenza e intelligenza del corpo.
(Raffaella Rossellini)

Secondo Steiner, nella fase 0-7 anni della persona “Il mondo è buono”: il bambino conquista la fiducia di base. Le cure materne (e/o del caregiver) strutturano il suo mondo interno. Dalla simbiosi passa gradualmente alla differenziazione/egocentrismo: attraverso un apprendimento in gran parte imitativo, egli struttura le basi del pensare, sentire, volere. Impara a camminare, a parlare. Inizia progressivamente a scoprire il proprio corpo, il mondo esterno ed interno, il riconoscimento della bontà del mondo e della conquista della fiducia di base.
Tra i 3-7 anni il bambino inizia la fase esplorativa del mondo. Erikson la definisce età ludica: S’inserisce l’elemento fiabesco come strumento didattico-pedagogico. Si consolida così la costruzione del corpo fisico; sul piano psico-sociale, l’attaccamento e la fiducia pongono la base al dischiudersi di quelle forze che portano, il bambino dopo, tra i 7 e 14 anni, ad aprirsi al mondo e ad essere pronto per l’apprendimento e l’inserimento nella scuola elementare.

  • Laboratori e workshop ludico-espressivi
    • gioco-teatro e alfabetizzazione teatrale (3-6 anni)
    • laboratorio teatrale (7-14 anni)
    • gioco-danza (3-14 anni)
    • psicomotricità (3-10 anni)
    • atelier piccoli artisti (3-14 anni)
  • Percorsi di Art-Counselling individuale e di gruppo per bambini

_

PRE-ADOLESCENZA E ADOLESCENTI

Io sono come mi vedo, un campo intersoggettivo,
non malgrado il mio corpo e la mia storia,
ma perché io sono questo corpo e questa situazione storica per mezzo di essi.
(Merleau-Ponty)

Tra i 7 e i 14 anni “Il mondo è Bello”: il bambino/ragazzo struttura il proprio mondo interiore (emozioni, sentimenti, sensibilità alla bellezza, identità sessuale). L’arte assume un ruolo centrale nel processo educativo: il bambino/ragazzo confronta costantemente (e talvolta in maniera confusa) il proprio bisogno di adeguatezza al mondo (bisogno di aderenza alla realtà) all’esperienza cosciente di essere un Io separato dal resto del mondo (sviluppo dell’identità). Si apprende dunque anche attraverso l’arte, la musica, il rapporto con gli altri, il costruire gli oggetti, la fiaba e i racconti mitologici che diventano strumenti efficaci per parlare all’anima del bambino pre-adolescente. La fiaba narrata, recitata, drammatizzata, danzata consolida i processi propri dell’adolescenza e dello sviluppo di un’affettività maggiormente consapevole e incarnata nel corpo.
Tra i 14 e i 21 anni “Il mondo è Vero”: si lascia del tutto il pensiero magico per acquisire il pensiero ipotetico-deduttivo. Il ragazzo vive con conflittualità l’accettazione dei cambiamenti corporei, gli elementi pulsionali e della ragione, l’affettività, la pulsione sessuale, il riconoscimento del gruppo dei pari e il bisogno di emancipazione dai genitori.

  • Laboratori e workshop espressivi
    • laboratorio teatrale (dai 14 anni)
    • danza creativa e libero movimento corporeo (14-16 anni)
  • Percorsi di Art-Counselling individuale e di gruppo

_

ADULTI

Per lavorare, per provare emozioni o semplicemente per esistere,
bisogna saper cogliere la novità assoluta di ogni istante.
Bisogna permettersi di percepire la sensazione, di essere vulnerabili.
Può darsi che ciò che vediamo non ci piaccia, ma questo non ha importanza.
Non sempre si deve giudicare; bisogna invece che quanto percepiamo ci colpisca,
ci emozioni, bisogna che il corpo sia vivo.
(Martha Graham)

Per lavorare, per provare emozioni, o semplicemente per esistere, bisogna saper cogliere la novità assoluta di ogni istante. bisogna permettersi di percepire la sensazione, di essere vulnerabili. può darsi che ciò che vediamo non ci piaccia, ma questo non ha importanza. non sempre si deve giudicare; bisogna invece che quanto percepiamo ci colpisca, ci emozioni, bisogna che il corpo sia vivo. (Martha Graham)
L’ingresso nella sfera adulta avviene nell’espansione dell’Io nel mondo: si delinea il Sogno Personale e si personalizzano i talenti e gli affetti; l’adulto è alla ricerca dell’equilibrio tra Intimità e Isolamento. I compiti esistenziali sono rendersi autonomi dalla famiglia d’origine, essere responsabili per sé stessi, realizzarsi nel lavoro e nel sociale, stabilire relazioni e integrare la sessualità nella personalità.
L’art-counselling può facilitare l’adulto a capire, discernere, lasciare emergere emozioni, aspirazioni, sogni, significati e valori; a comprendere cosa si è chiamati ad Essere nel mondo e a valorizzare la ricerca dell’equilibrio esistenziale; a centrarsi nell’interiorità per essere se stessi; a reintegrare le polarità Maschile/Femminile, Giovinezza/Vecchiaia, Distruzione/Creazione, Estroversione/Introversione; a sviluppare le capacità e attitudini di Cura (Cura di sé, dell’Altro, del Mondo); a rispettare e valorizzare la persona creando spazi di Empowerment; ad incrementare le competenze relazionali ed eventualmente la capacità di comprendere e sostenere i processi di cambiamento della vita di coppia.

  • Laboratori espressivo-creativi:
    • teatro-danza e libero movimento espressivo
  • Seminari e workshop tematici
  • Parent training e mediazione familiare:
    • Yoga in gravidanza per coppie
  • Percorsi di Art-Counselling individuale e di gruppo

_

TERZA ETÀ E QUARTA ETÀ

Invecchiare non è un accidente.
E’ una necessità della condizione umana;
ed è l’anima a volerlo.
(J. Hillman)

Rivedere e comprendere la totalità della propria Storia Personale, saperla confezionare come un Dono (saper essere testimoni di Umanità e Saggezza per le generazioni future), accettare e gestire i cambiamenti psico-fisici, permettersi nuovi spazi di Creatività (dipingere, suonare, danzare..) rappresentano i valori esistenziali della persona in età adulta avanzata.
L’Art Counselling può sostenere la persona nell’inventare la propria vecchiaia; nell’amplificazione dei mondi della Creatività; nel coltivare le dimensioni spirituali; nel sostenere il senso di Meraviglia e Stupore; nel permettere un costruttivo confronto con il significato della Morte e la dialettica tra espansione interiore e selezione-ritiro dall’esteriorità; nell’agevolare l’acquisizione di un discernimento critico in relazione alla realtà sociale attuale.

  • Laboratori autobiografici e di scrittura creativa per consentire di rivedere, comprendere, perdonare/perdonarsi e sostenere un essenziale processo di autoformazione;
  • Laboratori di meditazione in movimento, visualizzazione, immaginazione attiva, contatto con la natura
  • Laboratori e seminari di meditazione e sui sogni
  • Laboratori di cittadinanza e di scambio inter-generazionale

_

DIVERS-ABILITÀ

Ho sempre amato il deserto. Ci si siede su una duna di sabbia.
Non si vede nulla. Non si sente nulla. E tuttavia
qualche cosa risplende in silenzio. Ciò che rende bello il deserto,
disse il piccolo principe, è che da qualche parte nasconde un pozzo.
(Antoine de Saint-Exupéry)

La persona diversamente abile è un individuo con una propria identità e connotazione. Nuove logiche di confine teorico e pratico hanno permesso di superare le classiche categorie di normalità ed una vecchia concezione della disabilità. Puntare a obiettivi qualitativamente diversi, non dimenticando il deficit e/o l’handicap, né negando le reali e gravi necessità o vulnerabilità, vuol dire riconoscere, valutare, abilitare o riabilitare la persona diversamente abile (sia nel caso di disabilità congenita – che impone lo sviluppo di comportamenti adattivi, sia di disabilità acquisita).
L’Art-Counselling sostiene la persona diversamente abile nell’esprimere un’immagine di sé positiva, i propri sentimenti e saper dare espressione a ciò che si vuol dire (e che non sempre si può); nell’essere consapevole del proprio corpo nello spazio; nel ricercare e rinnovare il proprio ruolo all’interno della realtà che la circonda, nel rispetto dei tempi propri e dell’altro; nella scoperta di una comunicazione Altra capace di aprire il proprio mondo per includervi gli altri; nel superamento delle problematiche discriminatorie o di conflitto verso chi è sentito/si sente diverso.

  • Laboratori espressivo-creativi-didattici
  • Percorsi di Art-Counselling individuale e di gruppo

_

AZIENDE E ORGANIZZAZIONI

Mi sembra che il gruppo sia come un organismo,
che possiede il senso della propria direzione
anche se non la si può definire intellettualmente.
(Carl Rogers)

È nella misura in cui l’uomo si integra nella realtà e con gli altri che egli riesce a prendere sicura coscienza di sé: della sua temporalità, della sua storicità, della sua cultura. Nelle relazioni con gli altri esseri, nel medesimo contesto sociale, l’uomo sviluppa, infatti, il suo modo di pensare e di essere: il suo stile di apprendimento e di intelligenza, quindi il suo spirito, la sua volontà di fare, di operare, di scegliere, di decidere, di organizzarsi, di liberarsi da una situazione di oppressione e di alienazione.
L’evoluzione e la crescita dei gruppi di lavoro all’interno del contesto professionale e/o sociale derivano dalla capacità dei propri membri di concepire ed esperire il gruppo come organismo che possiede al suo interno il senso della propria direzione continua e dinamica, orientata allo sviluppo delle caratteristiche comunicativo – relazionali.

  • Laboratori espressivo-creativi-didattici in:
    • scuole
    • consultori
    • enti del terzo settore
    • organizzazioni private in campo sociale, socioeducativo, socioassistenziale e sociosanitario
    • cooperative e Consorzi
    • case di riposo
    • organizzazioni no profit e di Volontariato
    • ospedali
    • istituti di formazione
    • aziende
  • Percorsi di Art-Counselling individuale e di gruppo
  • Programmi di formazione, tutoring, supervisione (in partenariato con Enti pubblici imprese e reti del Privato Sociale)
  • Tirocini e Stages
Palariviera Multiplex, Piazzale Aldo Moro 2, secondo piano, ingresso lato nord, 63074 San Benedetto del Tronto (AP)